Australia: terra di emigrazione

Trasferirsi in Australia è un sogno per moltissimi italiani e per una ragione molto specifica: la crisi finanziaria globale sembra aver intaccato poco questa parte di Oceania che viene vista come un porto felice rispetto alla situazione globale. Sicuramente l’Australia offre grandi opportunità in termini lavorativi, ma alle giuste condizioni.
toscanaLa prima è sicuramente la conoscenza della lingua inglese. Sarà molto difficile infatti trovare un impiego e contatti senza padroneggiare la prima lingua di questo paese, nota anche per le sue particolarità idiomatiche e l’accento a cui la scuola italiana non ci ha preparati. Moltissimi infatti si recano in Australia appunto per imparare la lingua, in un primo momento e per tastare il terreno. Infatti è vero che c’è più apertura lavorativa in questa parte di Oceania, ma sicuramente non può essere trattata come la terra promessa.

Detto questo il costo della vita in Australia è leggermente più alto nelle grandi città, che detengono proporzionalmente quasi tutta la popolazione del paese. Dopo questa introduzione vediamo i passi per trasferirsi in Australia. Il primo è sicuramente quello di scegliere il visto che più si confà alle vostre esigenze: turistico, per lavoro etc. I voli per l’Australia sono molto lunghi e costosi, cercate di prendervi per tempo! La linea aerea principale è Emirates, ma anche Qatar copre queste tratte, che consigliamo di prenotare mesi prima per risparmiare il più possibile.
Il visto infatti non è un’operazione automatica e potrebbero passare diversi mesi prima che sia confermato, di solito la norma se non si hanno precedenti penali, e quindi conviene giocare d’anticipo e prenotare subito il volo, anche ad un anno di distanza. Non ci saranno problemi di tempistiche perché il visto è “spendibile” da un anno dalla sua concessione. Se avete amici che già si sono trasferiti in Australia o che stanno usando un visto, non sarebbe male contattarli per chiedere informazioni sulle disponibilità di appartamenti o case.
E’ molto difficile, infatti, che troviate una casa o un appartamento da affittare prima di partire, e per la prima settimana probabilmente servirà prendere una camera in un hotel o un ostello, che fungeranno anche da base logistica durante i vostri spostamenti e le ricerche. Appena arrivati però ricordate di sbrigare le prima pratiche burocratiche, come creare un codice fiscale australiano, chiamato tax file number, richiedere una sim da un gestore australiano, aprire un conto in una banca e scrivere un CV scritto secondo gli standard australiani.
Trovare lavoro in Australia è leggermente più semplice, ma non si può pensare che sia un paradiso in cui si possa trovare immediatamente un impiego, la ricerca sarà lunga. Se aveste bisogno di liquidità immediatamente è però facile trovare un impiego part time nella ristorazione, dove la turnazione è molto alta.

Trasferirsi in Australia a volte può essere un choc culturale, per tante piccole diversità culturali, e per questo a volte conviene muoversi cautamente e magari prendere un visto turistico o un WHV per capite anche se, veramente, l’Australia è il paese dei vostri sogni.

Questi sono i primi step per trasferirsi in Australia, allora siete pronti al grande passo?

About Cris

Sono una ragazza che ama viaggiare con la sua auto e in aereo. Il mio viaggio più bello? Ma alle Fiji, naturalmente!
This entry was posted in Prepararsi al Viaggio. Bookmark the permalink.

Comments are closed.